Festa Pesaro, primo punto sulla città

PESARO – “Giove Pluvio” non smette di tempestare Festa Pesaro, ma nonostante il meteo, il programma va avanti. A Palazzo Gradari un buon pubblico ha ascoltato la conversazione sui temi locali condotta dalla giornalista Anna Rita Ioni, dal titolo “La città bella e sana”, con il vicesindaco Daniele Vimini (Bellezza e Vivacità) e gli assessori Mila Della Dora (Benessere) e Franca Foronchi (Sostenibilità). Un’occasione per comprendere a fondo le linee strategiche che hanno caratterizzato i primi quattro anni di mandato della Giunta Ricci, con riferimento alle deleghe degli assessori presenti al tavolo.

Daniele Vimini ha mirato i temi della cultura, partendo ovviamente dalla musica: “Abbiamo scelto di rendere la figura di Rossini il brand della città, trasformandolo da elemento elitario in fattore identitario. Pesaro Città della Musica è stato un riconoscimento che l’Unesco ha reso a tutte le forze culturali della città, che da decenni lavorano alla creazione di un network musicale, magari senza averne, fino a qualche anno fa, pienamente cognizione. L’Unesco aveva bocciato la candidatura di Pesaro, tempo fa, perché non aveva intravisto nei documenti programmatici inviati quella capacità di fare rete tra realtà musicali cittadini ma anche provinciali, che noi invece abbiamo messo in evidenza. Con Rossini, e con tutto ciò che gravita attorno, è chiaro che la mia delega simbolica alla bellezza fa rima con vivacità, quindi con turismo. Una città come Pesaro deve vivere di cultura, quindi soprattutto di musica, per dodici mesi all’anno. Per questo è strategico riqualificare il palasport di viale dei Partigiani, che potrebbe essere già pronto per il 2019, altrimenti per il 2020. Una volta che il vecchio hangar sarà fruibile, capiremo cosa abbiamo perso in questi quattordici anni nei quali abbiamo fatto a meno di una struttura con duemila posti, perdendo tante opportunità in termini di sport, convegnistica, concerti”.

Mila Della Dora ha centrato il macrotema dello sport: “Recentemente facevo il conto degli eventi sportivi che Pesaro ha ospitato da quando abbiamo ricevuto il riconoscimento di città europea dello sport: ben centoventi, che sono davvero tanti. La scelta di investire sulla riqualificazione degli impianti sportivi, sulla valorizzazione delle società sportive – anche quelle più piccole – e sull’incremento del numero di eventi sportivi in città, si è rivelata azzeccata. Adesso Pesaro respira sport più che mai, tanto che da qualche mese siamo in marcia per il riconoscimento di città europea della corsa e del cammino, collaborando fianco a fianco con la federazione di atletica leggera. Del resto a Pesaro un terzo dei cittadini fanno sport, quindi il nostro impegno è indirizzato ad incrementare e valorizzare i percorsi ciclabili e pedonali, i parchi, le aree e le strutture attrezzate, come il Campo Scuola, che abbiamo rimesso a nuovo. Un lavoro lungo, ma esaltante, che si traduce in risultati importanti anche in termini turistici e quindi economici: gli eventi sportivi portano tanta gente in città, spesso in periodi di bassa stagione. Portano famiglie, che poi ritornano attirate dall’offerta cittadina. Non si tratta, insomma, solo di benessere fisico, ma anche di molto altro”.

Franca Foronchi si occupa di sostenibilità, quindi di ambiente, salute, vivibilità. “A Pesaro si vive bene, possiamo dirlo con una certa sicurezza, ma senza abbassare la guardia. I dati che la centralina del parco Scarpellini ci fornisce ogni settimana fotografano una città in linea con i dati di tutte le altre realtà di medie dimensioni dell’area padana, con dieci mesi all’anno costantemente sotto i limiti di inquinamento, e qualche piccolo problema solo a novembre e dicembre, che sono mesi critici un po’ ovunque. La nostra mission è fare cultura ambientale: di questo si tratta quando disincentiviamo l’uso dell’auto favorendo la bici, oppure le navette, che sono diventate mezzi abituali per tanti pesaresi. Andiamo nelle scuole, organizziamo iniziative formative di livello come la scuola di Bicipolitana che si terrà a settembre, investiamo in comunicazione. Ma soprattutto collaboriamo in maniera trasversale tra assessorati, perché il segreto sta nel concepire il programma di mandato come una serie di direttrici che non investono il singolo collega di Giunta, ma tutto il gruppo dirigente”.

In prima serata, in piazza del Popolo, è stata recuperata la sfilata dei cani, organizzata da Animal House Onlus, sfumata causa maltempo il giorno precedente. Da lunedì 27 agosto il meteo dovrebbe strizzare l’occhio a Festa Pesaro: per consultare il programma digitare www.festapesaro.it, mentre è possibile seguire la festa anche virtualmente, attraverso le dirette social dai dibattiti, online su Facebook, Twitter ed Instagram.

Ph. Luca Toni