Casa del Popolo riqualificata, l'inaugurazione a Montegranaro

Venerdì 26 ottobre è il grande giorno del taglio del nastro ai locali di via Salvatori 15, a pochi passi da piazza Redi. La Fondazione XXV Aprile annuncia il trasferimento della propria sede dal centro storico al quartiere Montegranaro, dopo due anni di lavori di ristrutturazione, che andranno a beneficio anche della Federazione provinciale del Partito Democratico, che stabilirà la propria sede nello stesso edificio.

Per l’occasione sarà presente l’ex senatore Ugo Sposetti, presidente dell’Associazione “Enrico Berlinguer”, capofila delle fondazioni culturali democratiche, legate al panorama del centro-sinistra italiano.

Il programma prevede alle ore 17 i saluti di Carlo Niro, presidente della Fondazione XXV Aprile, insieme a Gastone Balestrini, presidente del Consiglio di Amministrazione della stessa Fondazione. Subito dopo interverrà il senatore Ugo Sposetti.

Saranno presenti all’inaugurazione dei locali il sindaco di Pesaro Matteo Ricci, il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, il consigliere regionale Andrea Biancani e il segretario della Federazione provinciale PD Giovanni Gostoli.

Al termine verrà offerto un aperitivo a tutti i partecipanti.

Brevi note storiche

La Casa del Popolo di Montegranaro, ubicata in via Salvatori a Pesaro, è stata costruita tra il 1965 e il 1966, grazie all’impegno degli iscritti alla locale sezione P.C.I. e a numerosi volontari del quartiere. I lavori di ristrutturazione sono cominciati nel mese di luglio 2017, al fine di modernizzare i locali, in modo da renderli idonei ad ospitare gli uffici della Fondazione XXV Aprile e della Federazione provinciale del Partito Democratico. A piano terra, da gennaio 2018, è attivo un punto vendita Conad, e il nuovo bar Odeon.

Pd, oltre 130 persone a Roma. Gostoli: “E’ tempo di reagire”

Oltre 130 persone dalla provincia di Pesaro e Urbino insieme al Pd provinciale per la manifestazione nazionale di domenica 30 settembre a Roma voluta dal segretario nazionale Pd Maurizio Martina: “Scendiamo in piazza per costruire un’alternativa alla politica dell’odio, del declino, dell’isolamento e della paura. Scendiamo in piazza perché tante persone vogliono un Paese diverso: più giusto, più forte, più solidale, aperto al mondo e al futuro”.

Una ventina di giovani democratici under 25 della provincia di Pesaro e Urbino, guidati dal segretario provinciale dei Gd Giovanni Monaldi e dall’organizzatore Nicolò Occhialini, parteciperanno inoltre, alle 10.30 al Nazareno in via Sant’Andrea delle Fratte, a un incontro organizzato dal Partito democratico con tutte le associazioni giovanili dal titolo “Con la forza dei nostri sogni: i giovani e la politica”.

“Per l’Italia” è invece il titolo della manifestazione dem prevista alle ore 14 in Piazza del Popolo a Roma. Sarà possibile seguire l’evento anche in diretta streaming dal sito di Democratica.com oppure sulla pagina Facebook del Partito democratico.

“Il Pd c’è e ha tanta voglia di ripartire per costruire una nuova alternativa all’arroganza dei sovranisti. C'è in gioco il futuro del Paese, ma anche dell'Europa: c'è chi vuole distruggerla e chi come noi sogna gli Stati Uniti d'Europa. E’ tempo di reagire, di non stare alla finestra– afferma il segretario provinciale Pd Giovanni Gostoli – Nei primi cento giorni di governo "gialloverde" più inconcludenti della storia della Repubblica tutti gli indicatori rivendo al ribasso le stime della crescita economica del Paese e l’unica cosa che aumenta sono le domande di disoccupazione. Avevano promesso tanto e subito, dicevano di avere le coperture economiche per tutto. Invece adesso aumentano il debito dell’Italia. Il Paese giorno dopo giorno perde credibilità ed è più solo in Europa. A pagare non saranno le lobby o i burocrati, ma gli italiani – conclude Gostoli - Con la manovra il governo Lega-Cinquestelle sta mettendo la più grande ipoteca sul futuro dei giovani, non incentiva la crescita economica, espone al rischio i risparmi delle famiglie, servizi e le politiche pubbliche”

Tra i partecipanti della provincia ci saranno anche il sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, l'on. Alessia Morani, Massimiliano Amadori e Luca Pieri, la consigliera comunale di Pesaro Alessandra Cecchini, i consiglieri comunali fanesi Alberto Bacchiocchi, Enrico Nicolelli e Sara Cucchiarini, Michele Chiarabillli di Fossombrone, le coordinatrici di zona Pd Monica Scaramucci (Urbino e Alto Metauro), Cinzia Scardacchi (Catria e Nerone), Alessandra Khadem (Medio Metauro) e Dimitri Tinti.

Festa Pesaro, è il grande giorno di Paolo Gentiloni

PESARO – I legami solidi non si interrompondo facilmente. Martedì 28 agosto a Festa Pesaro torna Paolo Gentiloni, già più volte a Pesaro negli anni passati, l’ultima delle quali in veste di premier nell’ambito della presentazione dei lavori della nuova scuola media di via Lamarmora (con annessa inaugurazione della piscina di via Togliatti). Gentiloni, intervistato alle ore 21 nell’area dibattiti di piazzale Collenuccio dal neo direttore del telegiornale di Rete 4 Gerardo Greco, ricostruirà il filo dell’esperienza governativa conclusa con il voto dello scorso 4 marzo, rilanciando l’azione del PD in vista di una nuova stagione politica. Alle ore 18, nell’area dibattiti, conversazione sui temi locali con Ivano Dionigi, pesarese ed ex rettore dell’Università di Bologna, insieme agli assessori Sara Mengucci, Giuliana Ceccarelli e Luca Bartolucci, intervistati da Alberto Pancrazi.

In caso di maltempo, tutte le iniziative politiche si svolgeranno nei locali di Palazzo Gradari, con ingresso da via Rossini.

In piazza del popolo musica e ballo con la Palazzi Band di Luciano Palazzi, specializzati in “balera sotto le stelle”: ormai un classico di Festa Pesaro, con garanzia di pubblico e divertimento. Inizio alle ore 21.15.

Piazza del Popolo vivrà anche di momenti ricreativi e di incontro. Innanzitutto, l’Area Bambini, che dalle ore 19 ospiterà i laboratori “L’Art Lab” di Ittico. Attività studiate per stimolare a giocare con la forza dell’immaginazione, insegnando i primi rudimenti di circo e giocoleria.

Poco distante, allo Spazio Partito, apertura dell’info point dalle ore 18, mentre alle 19.30 gli amministratori comunali PD (assessori, consiglieri comunali, rappresentanti dei quartieri) daranno vita a “Piazza Dem”, un momento quotidiano di ascolto, confronto e risposte ai cittadini.

Oggi saranno a disposizione della cittadinanza l’assessore alla Sostenibilità Franca Foronchi, affiancata dalle consigliere comunali Silvia Terenzi, Alessandra Cecchini, Cinzia Ceccarelli e al consigliere Gerardo Coraducci. Saranno a disposizione anche i presidenti dei Quartieri Luca Pandolfi (Montegranaro-Muraglia), Ugo Schiaratura (Pantano-Cinque Torri-Santa Veneranda) ed Enrico Siepi (Centro-Mare).

A fianco, sempre in piazza, sarà aperto lo stand di Legautonomie. Inoltre, dalle ore 20, tutti i giorni al Mercato delle Erbe, la classicissima Tombola.

Per i buongustai, aperti dalle ore 19.30 il ristorante con menu di carne completo a prezzi modici, e la piadineria con tutti i tipi di farciture. A fianco, il bar gestito dai Giovani Democratici.

Festa Pesaro è pensata all’insegna della mobilità sostenibile: tutti i giorni, dalle ore 20.30 alle 23.30, un bus navetta gratuito partirà, ogni 10 minuti, dal piazzale di San Decenzio, raggiungendo in brevissimo tempo piazza del Popolo.

Festa Pesaro, primo punto sulla città

PESARO – “Giove Pluvio” non smette di tempestare Festa Pesaro, ma nonostante il meteo, il programma va avanti. A Palazzo Gradari un buon pubblico ha ascoltato la conversazione sui temi locali condotta dalla giornalista Anna Rita Ioni, dal titolo “La città bella e sana”, con il vicesindaco Daniele Vimini (Bellezza e Vivacità) e gli assessori Mila Della Dora (Benessere) e Franca Foronchi (Sostenibilità). Un’occasione per comprendere a fondo le linee strategiche che hanno caratterizzato i primi quattro anni di mandato della Giunta Ricci, con riferimento alle deleghe degli assessori presenti al tavolo.

Daniele Vimini ha mirato i temi della cultura, partendo ovviamente dalla musica: “Abbiamo scelto di rendere la figura di Rossini il brand della città, trasformandolo da elemento elitario in fattore identitario. Pesaro Città della Musica è stato un riconoscimento che l’Unesco ha reso a tutte le forze culturali della città, che da decenni lavorano alla creazione di un network musicale, magari senza averne, fino a qualche anno fa, pienamente cognizione. L’Unesco aveva bocciato la candidatura di Pesaro, tempo fa, perché non aveva intravisto nei documenti programmatici inviati quella capacità di fare rete tra realtà musicali cittadini ma anche provinciali, che noi invece abbiamo messo in evidenza. Con Rossini, e con tutto ciò che gravita attorno, è chiaro che la mia delega simbolica alla bellezza fa rima con vivacità, quindi con turismo. Una città come Pesaro deve vivere di cultura, quindi soprattutto di musica, per dodici mesi all’anno. Per questo è strategico riqualificare il palasport di viale dei Partigiani, che potrebbe essere già pronto per il 2019, altrimenti per il 2020. Una volta che il vecchio hangar sarà fruibile, capiremo cosa abbiamo perso in questi quattordici anni nei quali abbiamo fatto a meno di una struttura con duemila posti, perdendo tante opportunità in termini di sport, convegnistica, concerti”.

Mila Della Dora ha centrato il macrotema dello sport: “Recentemente facevo il conto degli eventi sportivi che Pesaro ha ospitato da quando abbiamo ricevuto il riconoscimento di città europea dello sport: ben centoventi, che sono davvero tanti. La scelta di investire sulla riqualificazione degli impianti sportivi, sulla valorizzazione delle società sportive – anche quelle più piccole – e sull’incremento del numero di eventi sportivi in città, si è rivelata azzeccata. Adesso Pesaro respira sport più che mai, tanto che da qualche mese siamo in marcia per il riconoscimento di città europea della corsa e del cammino, collaborando fianco a fianco con la federazione di atletica leggera. Del resto a Pesaro un terzo dei cittadini fanno sport, quindi il nostro impegno è indirizzato ad incrementare e valorizzare i percorsi ciclabili e pedonali, i parchi, le aree e le strutture attrezzate, come il Campo Scuola, che abbiamo rimesso a nuovo. Un lavoro lungo, ma esaltante, che si traduce in risultati importanti anche in termini turistici e quindi economici: gli eventi sportivi portano tanta gente in città, spesso in periodi di bassa stagione. Portano famiglie, che poi ritornano attirate dall’offerta cittadina. Non si tratta, insomma, solo di benessere fisico, ma anche di molto altro”.

Franca Foronchi si occupa di sostenibilità, quindi di ambiente, salute, vivibilità. “A Pesaro si vive bene, possiamo dirlo con una certa sicurezza, ma senza abbassare la guardia. I dati che la centralina del parco Scarpellini ci fornisce ogni settimana fotografano una città in linea con i dati di tutte le altre realtà di medie dimensioni dell’area padana, con dieci mesi all’anno costantemente sotto i limiti di inquinamento, e qualche piccolo problema solo a novembre e dicembre, che sono mesi critici un po’ ovunque. La nostra mission è fare cultura ambientale: di questo si tratta quando disincentiviamo l’uso dell’auto favorendo la bici, oppure le navette, che sono diventate mezzi abituali per tanti pesaresi. Andiamo nelle scuole, organizziamo iniziative formative di livello come la scuola di Bicipolitana che si terrà a settembre, investiamo in comunicazione. Ma soprattutto collaboriamo in maniera trasversale tra assessorati, perché il segreto sta nel concepire il programma di mandato come una serie di direttrici che non investono il singolo collega di Giunta, ma tutto il gruppo dirigente”.

In prima serata, in piazza del Popolo, è stata recuperata la sfilata dei cani, organizzata da Animal House Onlus, sfumata causa maltempo il giorno precedente. Da lunedì 27 agosto il meteo dovrebbe strizzare l’occhio a Festa Pesaro: per consultare il programma digitare www.festapesaro.it, mentre è possibile seguire la festa anche virtualmente, attraverso le dirette social dai dibattiti, online su Facebook, Twitter ed Instagram.

Ph. Luca Toni

Pagine