Festa Pesaro al via sotto la pioggia

PESARO – Festa Pesaro è partita, e nemmeno il più classico dei temporali estivi ha potuto fermare l’entusiasmo dei volontari e l’interesse del pubblico di Pesaro. Il taglio del nastro, avvenuto per motivi atmosferici nel salone nobile di Palazzo Gradari in via Rossini, è stato “celebrato” dal presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli insieme alla “padrona di casa”, la segretaria dell’Unione comunale PD di Pesaro, Francesca Fraternali, affiancata dagli “organizzatori operativi” della festa, Massimiliano Amadori e Timoteo Tiberi. Presenti, in platea, l’ex deputato PD Emanuele Lodolini, i consiglieri regionali Andrea Biancani e Gino Traversini.

“Anche quest’anno - ha esordito Francesca Fraternali - Festa Pesaro conferma la location del centro storico. La festa è lo specchio del nostro modo di essere e di fare politica: una kermesse tra la gente, all’aperto, piena di contenuti e di approfondimenti. Ringrazio i volontari per la passione e la generosità che, ogni volta, ci mettono per la buona riuscita della kermesse. Senza di loro, tutto ciò non sarebbe possibile”.

Il primo dibattito ha visto un trio di sindaci discutere della situazione politica del Paese, con al centro la riflessione sul ruolo esercitato dal Partito Democratico. Valeria Mancinelli di Ancona, Dario Nardella di Firenze e Federico Pizzarotti di Parma, intervistati da Andrea Pennacchioli, hanno messo sul tavolo la propria esperienza amministrativa di “primi cittadini” offrendo spunti ed idee interessanti.

“Il consenso - ha sottolineato Nardella - non va considerato come un punto di partenza, ma di arrivo dopo un percorso all’insegna dellìascolto umile delle istanze dei cittadini”. Gli ha fatto eco Pizzarotti: “Per contrastare la cultura dello slogan - ha sostenuto il sindaco di Parma - occorre un grande lavoro che parta dal rilancio dei contenuti del centro-sinistra, chiarendo i messaggi che si vuole trasmettere alla cittadinanza. Dire che stiamo tra la gente non è più sufficiente”. Valeria Mancinelli ha puntato il dito sl governo “gialloverde”: “L’alternativa credibile al governo Conte-Di Maio-Salvini – ha sottolineato il primo cittadino di Ancona - non si costruisce sperando nel fallimento degli avversari. Serve prossimità e capacità di iniziativa a tutti i livelli, da quello europeo fino agli enti locali, a noi sindaci. Vorrei proporre una mobilitazione dei primi cittadini sul tema migratorio, con azioni simboliche ma emblematiche”.

In prima serata, nonostante i ristoranti della festa lavorassero a singhiozzo causa maltempo, il salone di Palazzo Gradari si è nuovamente riempito di tante persone venute ad ascoltare il presidente Luca Ceriscioli, che intervistato da Raffaele Vitali ha fatto il punto sulle politiche regionali operate in tre anni di mandato.

Ceriscioli non ha lesinato riflessioni sull’attuale governo “gialloverde”, con riferimento al consenso di cui – sondaggi alla mano – questo esecutivo sta godendo: “Cinque stelle e Lega hanno ottenuto, più o meno, il 45% dei voti lo scorso 4 marzo – ha esordito Ceriscioli -, mentre oggi i sondaggisti sono concordi nel posizionare l’asticella di entrambi i partiti attorno al 60%. Del resto, loro praticano una politica facile: ogni volta cercano il colpevole, esercitandosi nel tiro al piccione. È un metodo che nel breve periodo paga, ma sono certo che la serietà del PD, nel lungo periodo, sarà premiata”.

Sul PD, a tutti i livelli nazionali e locali, Ceriscioli è stato netto: “Senza un sentimento forte di comunità e il rispetto reciproco il nostro percorso avrà difficoltà. Prima vengono i nostri valori, le nostre proposte e solo alla fine si parla di nomi”. Parole che avranno certamente un eco in questi giorni di riflessione sul cantiere del PD e del centro-sinistra.

La conversazione si è spostata sulle Marche, con tre argomenti principali: infrastrutture, macro-regione e sanità: “Sul piano infrastrutturale in questi tre anni abbiamo avviato molte discussioni: riapertura del dialogo con Autostrade per portare la terza corsia anche nel tratto da Porto Sant’Elpidio a Pedaso. Su questo punto, vediamo cosa diranno i comitati locali. Raddoppio del tratto di Salaria da Acquasanta ad Arquata, che per chi conosce quella zona è davvero strategico. Completamento della Fano-Grosseto, tema annoso che per ottenere qualche risultato ha bisogno di grande convinzione e perspicacia. La mia domanda è: questo governo crede nelle infrastrutture? Ho qualche dubbio”.

Sul piano macro-regionale, le Marche e l’Umbria collaborano da tempo dimostrando feeling ed unità d’intenti: “Siamo le prime due regioni d’Italia – prosegue Ceriscioli – che al di là dei proclami, si siedono ufficialmente ad un tavolo facendo proposte al governo, come se fossero un’unica regione. Sono orgoglioso di questo, e devo ringraziare la presidente dell’Umbria Catiuscia Marini perché anche lei crede come me in questo percorso”.

La sanità è un tema delicato, da affrontare con lucidità e coraggio: “Seguo personalmente, con cadenza settimanale, l’avanzamento del lavoro mirato a ridurre le liste di attesa. Tante piccole e grandi iniziative che vanno nella direzione di ridimensione i tempi di attesa per i cittadini, perché qui si gioca il rapporto di fiducia che la gente ha con l’ente pubblico”. Sugli ospedali unici, Ceriscioli è chiaro: “Si va avanti, in tutte le Marche, con la realizzazione dei nuovi nosocomi, strutture di eccellenza che la cittadinanza imparerà ad apprezzare col tempo. Pesaro, Macerata, Fermo, Ascoli: adesso i cittadini sono rimbalzati da un ospedale all’altro sulla base dell’ubicazione dei vari ambulatori, tra qualche anno faranno dieci chilometri ed avranno tutti i servizi, peraltro di alto livello”.

Un inizio di Festa Pesaro “a tambur battente”, con tanti spunti che saranno oggetto di nuova riflessione nei prossimi giorni. Per consultare il programma digitare www.festapesaro.it. Dirette social dai dibattiti e dai luoghi della festa tutti i giorni, su Facebook, Twitter ed Instagram.

Tutte le foto sono di Ph. Luca Toni.

Minniti, un gradito ritorno a Pesaro

PESARO – Lunedì 27 agosto: l’ex ministro dell’Interno Marco Minniti torna a Pesaro. Le elezioni politiche non sono andate come il PD avrebbe voluto, ma gli organizzatori sanno che piazzale Collenuccio, con l’intervento dell’ex inquilino del Viminile (intervistato da Carlo Bonini, ore 21), calamiterà il pubblico delle grandi occasioni. In precedenza, nel tardo pomeriggio alle ore 18, l’area dibattiti ospiterà una tavola rotonda sulle politiche di area vasta, con la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, il consigliere regionale Andrea Biancani, il presidente della Provincia di Pesaro e Urbino Daniele Tagliolini e l’ex senatrice Camilla Fabbri, intervistati da Luca Fabbri.

In caso di maltempo, tutte le iniziative politiche si svolgeranno nei locali di Palazzo Gradari, con ingresso da via Rossini.

Sul palco di piazza del Popolo si esibirà la compagnia teatrale “La Piccola Ribalta”, proponendo la commedia “Ai pens me”, scritta da Massimo Cimini e Stefano Gennari. Inizio alle ore 21.15.

Piazza del Popolo vivrà anche di momenti ricreativi e di incontro. Innanzitutto, l’Area Bambini, che dalle ore 19 ospiterà i laboratori “L’Art Lab” di Ittico. Attività studiate per stimolare a giocare con la forza dell’immaginazione, insegnando i primi rudimenti di circo e giocoleria.

Poco distante, allo Spazio Partito, apertura dell’info point dalle ore 18, mentre alle 19.30 gli amministratori comunali PD (assessori, consiglieri comunali, rappresentanti dei quartieri) daranno vita a “Piazza Dem”, un momento quotidiano di ascolto, confronto e risposte ai cittadini. Oggi saranno a disposizione della cittadinanza l’assessore alla Crescita Giuliana Ceccarelli affiancate dalle consigliere comunali Silvia Terenzi ed Alessandra Cecchini.

A fianco, sempre in piazza, sarà aperto lo stand di Legautonomie. Inoltre, dalle ore 20, tutti i giorni al Mercato delle Erbe, la classicissima Tombola.

Per i buongustai, aperti dalle ore 19.30 il ristorante con menu di carne completo a prezzi modici, e la piadineria con tutti i tipi di farciture. A fianco, il bar gestito dai Giovani Democratici.

Festa Pesaro è pensata all’insegna della mobilità sostenibile: tutti i giorni, dalle ore 20.30 alle 23.30, un bus navetta gratuito partirà, ogni 10 minuti, dal piazzale di San Decenzio, raggiungendo in brevissimo tempo piazza del Popolo.

Festa Pesaro, ping pong tra temi nazionali e locali

PESARO – Domenica 26 agosto il palco di piazzale Collenuccio ospiterà due dibattiti. Purtroppo il terzo appuntamento, in prima serata, con Piero Fassino, è saltato per impegni dell’ultima ora. L’iniziativa con Fassino sarà comunque recuperata e calendarizzata nella seconda metà di settembre. Fari puntati, dunque, sull’intervista delle ore 18 alla deputata Alessia Morani, a tu per tu con la giornalista Silvia Sinibaldi. Alle ore 19 spazio alla conversazione su “La città bella e sana” con il vicesindaco Daniele Vimini e gli assessori Franca Foronchi e Mila Della Dora, intervistati da Anna Rita Ioni.

In caso di maltempo, tutte le iniziative politiche si svolgeranno nei locali di Palazzo Gradari, con ingresso da via Rossini.

La serata in piazza del Popolo non sarà da meno, anzi: tutto fa pensare che il grande pubblico (inizio ore 21) resterà calamitato dalla bravura di “Le Rimmel”, band tutta al femminile made in Pesaro, specializzata sul genere beat & roll anni Cinquanta e Sessanta. Eleonora Giovannini, Claudia Piccioni, Anastasia Giardinieri, Giorgia Severini e Sue Ceccolini divertiranno la platea con il loro ormai rinomato stile vintage.

Piazza del Popolo vivrà anche di momenti ricreativi e di incontro. Innanzitutto, l’Area Bambini, che alle ore 19 ospiterà i laboratori “L’Art Lab” di Ittico. Attività studiate per stimolare a giocare con la forza dell’immaginazione, insegnando i primi rudimenti di circo e giocoleria. Alle ore 19 e poi alle 21, doppio spettacolo dei “Kalù Stripp Show”.

Poco distante, allo Spazio Partito, apertura dell’info point dalle ore 18, mentre alle 19.30 gli amministratori comunali PD (assessori, consiglieri comunali, rappresentanti dei quartieri) daranno vita a “Piazza Dem”, un momento quotidiano di ascolto, confronto e risposte ai cittadini. Oggi saranno a disposizione della cittadinanza l’assessore alla Gestione Antonello Delle Noci, insieme alla consigliera comunale Silvia Terenzi e ai presidenti di Quartiere Enrico Siepi (Centro-Mare) e Nicholas Blasi (Colline e Castelli).

A fianco, sempre in piazza, sarà aperto lo stand di Legautonomie. Inoltre, dalle ore 20, tutti i giorni al Mercato delle Erbe, la classicissima Tombola.

Per i buongustai, aperti dalle ore 19.30 il ristorante con menu di carne completo a prezzi modici, e la piadineria con tutti i tipi di farciture. A fianco, il bar gestito dai Giovani Democratici.

Festa Pesaro è pensata all’insegna della mobilità sostenibile: tutti i giorni, dalle ore 20.30 alle 23.30, un bus navetta gratuito partirà, ogni 10 minuti, dal piazzale di San Decenzio, raggiungendo in brevissimo tempo piazza del Popolo.

Festa Pesaro, il via con un trio di sindaci e il presidente Ceriscioli

PESARO – Dopo settimane di lavoro intenso, è finalmente arrivato il taglio del nastro di Festa Pesaro. Sabato 25 agosto, alle ore 17.45 nell’area dibattiti di piazzale Collenuccio, la festa avrà inizio con l’intervento di saluto di Francesca Fraternali, segretaria dell’Unione comunale PD di Pesaro, affiancata da Massimiliano Amadori e Timoteo Tiberi. Pochi minuti dopo, alle ore 18, nella stessa location di piazzale Collenuccio avrà luogo il primo dibattito, con un trio di sindaci tra i più amati d’Italia: Dario Nardella di Firenze, Valeria Mancinelli di Ancona e Federico Pizzarotti di Parma, intervistati da Andrea Pennacchioli.

Prima serata, con inizio dibattito alle ore 21, per il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, intervistato da Raffaele Vitali. Ceriscioli farà il punto, a tutto campo, sulle politiche regionali, sancendo il carattere di “buona amministrazione” che sarà il “leit motiv” di questa edizione.

In caso di maltempo, tutte le iniziative politiche si svolgeranno nei locali di Palazzo Gradari, con ingresso da via Rossini.

Da una parte la politica, dall’altra lo spettacolo, comunque in stretto connubio. Sul palco di piazza del Popolo, alle ore 21.15, l’associazione “Animal House Onlus” di Francesca Binda presenterà l’ormai tradizionale “sfilata dei cani”. Alle ore 22, nello spazio del Gra’ nel cortile di Palazzo Gradari in via Rossini, esibizione musicale di Perry Boogie & Lady Martini, con swing e rock‘n’roll.

Piazza del Popolo vivrà anche di momenti ricreativi e di incontro. Innanzitutto, l’Area Bambini, che dalle ore 19, a cura de “La Città del Sole”, offrirà “Laboratori di trenini e giochi educativi”.

Poco distante, allo Spazio Partito, apertura dell’info point dalle ore 18, mentre alle 19.30 gli amministratori comunali PD (assessori, consiglieri comunali, rappresentanti dei quartieri) daranno vita a “Piazza Dem”, un momento quotidiano di ascolto, confronto e risposte ai cittadini. A fianco, sempre in piazza, sarà aperto lo stand di Legautonomie. Inoltre, dalle ore 20, tutti i giorni al Mercato delle Erbe, la classicissima Tombola.

Per i buongustai, aperti dalle ore 19.30 il ristorante con menu di carne completo a prezzi modici, e la piadineria con tutti i tipi di farciture. A fianco, il bar gestito dai Giovani Democratici.

Festa Pesaro è pensata all’insegna della mobilità sostenibile: tutti i giorni, dalle ore 20.30 alle 23.30, un bus navetta gratuito partirà, ogni 10 minuti, dal piazzale di San Decenzio, raggiungendo in brevissimo tempo piazza del Popolo.

Pagine