Pd, “Lessico femminile” contro la violenza sulle donne

Oltre alle iniziative istituzionali le donne democratiche organizzano tre appuntamenti per celebrare le “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”.

“Lessico Femminile” è il titolo della tre giorni del Partito democratico provinciale con iniziative in occasione della “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”. Tre incontri al femminile che si aggiungono a quelle istituzionali promosse dalle donne democratiche della provincia di Pesaro e Urbino. Negli ultimi tempi il Parlamento, prima con la Convenzione di Instanbul poi con l’introduzione della legge sul femminicidio, ha approvato due strumenti importanti per contrastare e prevenire la violenza di genere.

“La violenza contro le donne non è un problema femminile, ma una questione maschile” – afferma il segretario provinciale Pd Giovanni Gostoli - Sono orgoglioso delle iniziative promosse dalle donne democratiche nel partito e nelle istituzioni; purtroppo dobbiamo parlarne ancora oggi, perché un fenomeno ampio e diffuso come ricorda l’Istat. Oltre all’indignazione – aggiunge Gostoli - serve unire le forze per contrastare culturalmente pregiudizi e stereotipi. E’ una battaglia di libertà che deve vedere un nuovo protagonismo non solo delle donne, ma soprattutto degli uomini”.

Fermignano il primo appuntamento, venerdì 27 novembre ore 21 presso il RistoBar Conad, dal titolo “Il valore di essere donna”. Introducono il segretario provinciale democrat, Givoanni Gostoli, e la coordinatrice di zona Pd Alta val Metauro, Monica Scaramucci. All’incontro sono previsti gli interventi delle onorevoli Alessia Morani e Irene Manzi, Daniela Ciaroni, Giorgia Giacanti e Alessandro Betonica. Poi è la volta di Frontonesabato 28 novembre alle ore 18 presso la Sala Consigliare. Dopo l’introduzione di Maria Pia Fratini seguiranno gli interventi di Alice Pavoni, assessore comune Frontone, Sara Mengucci, assessore comune Pesaro e Giuliana Ceccarelli, assessore comune Pesaro, che parleranno di “Come si esprime la violenza”. Infine, domenica 29 novembre a Montecalvo in Foglia nel Montefeltro alle 17.30 ci sarà l’inaugurazione della mostra “Quotidiano femminile”, presso il Circolo Arci di Ca Gallo. E’ prevista la partecipazione di Donatella Paganelli, sindaca di Montecalvo in Foglia, Giovanni Gostoli, segretario provinciale Pd, Grazia Giorgiani, assistente sociale, Daniele Tagliolini, presidente della Provincia di Pesaro e Urbino, e Alessandro Nardelli, responsabile provinciale welfare Pd.

Alla conferenza stampa di presentazioni erano presenti tante donne, tra cui Donatella Paganelli, sindaca di Montecalvo in Foglia, Daniela Eusepi, componente segreteria provinciale Pd, Maria Pia Fratini, coordinatrice di zona Pd Alto Cesano, Grazia Giorgiani, assistente sociale, Jessica Belpassi e Adele Tangucci.

“Inizia un percorso nuovo: vogliamo creare una rete provinciale di donne impegnate nel Pd e nelle amministrazioni – afferma la coordinatrice Susanna Marcantognini – Essere ancora più vicine all’entroterra. E’ per questa ragione che, dopo l’iniziativa provinciale a Pesaro l’otto marzo scorso, abbiamo scelto di fare tre incontri nelle aree interne. Desidero ringraziare tutte le volontarie di associazioni e le operatrici che sono impegnate quotidianamente in progetti contro la violenza di genere”.

“Oggi nel Pd” – continua Cinzia Scardacchi che è in segreteria provinciale Pd – “si parla di più della questione di genere. Con le iniziative vogliamo dare il messaggio a tutte quelle donne che sono vittima di violenze, non solo fisiche ma anche psicologiche, che è possibile uscire da quella condizione”.

“Il Centro Anti Violenza nella provincia di Pesaro e Urbino funziona bene” – aggiunge la coordinatrice di zona di Urbino e Alto Metauro Monica Scaramucci – “E’ una buona esperienza che le istituzioni devono rafforzare, ma servirebbero più presidi nelle aree interne. C’è tanto bisogno – conclude Monica Scaramucci – di creare un contesto educativo migliore. Oggi più che mai serve una rivoluzione culturale”.

Allegati: 

Agricoltura, al via il tour del Pd provinciale nei territori per parlare delle opportunità del Prs Marche

Nell’anno dell’Expo le Marche rilanciano gli investimenti in agricoltura. Così il Pd provinciale di Pesaro e Urbino taglia il nastro a un tour di iniziative nel territorio per illustrare il nuovo Programma di Sviluppo Rurale (Psr) approvato dalla Regione Marche. Incontri nati dalla volontà del segretario provinciale, Giovanni Gostoli, di costruire un Pd sempre più capace di promuovere iniziative nei Circoli su temi importanti, conoscere meglio le opportunità contenute nel PSR e far crescere la consapevolezza che l’agricoltura è un settore strategico per il rilancio delle Marche.  

Si inizia dalla Val Cesano che appena pochi giorni fa ha eletto il nuovo Coordinatore di Zona Pd, Filippo Sorcinelli. L’appuntamento aperto a tutti è previsto a San Costanzo, giovedì 8 ottobre, alle 21, presso la Biblioteca Comunale. Interverranno: Margherita Pedinelli, sindaco e vice segretaria Pd provinciale, Francesco Torriani, responsabile agricoltura Pd provinciale e Gino Traversini, consigliere regionale e presidente della II Commissione “sviluppo economico e affari europei”. Dopo San Costanzo sarà la volta di Urbino, prevista per il 19 ottobre, perché l’argomento assume grande rilievo soprattutto nelle aree interne.

“La priorità per noi è il lavoro. Siamo convinti che sostenendo con forza l’agricoltura, rendendola più competitiva, si può creare nuova occupazione per i prossimi anni nelle Marche” – afferma il segretario provinciale Pd Giovanni Gostoli – “Siamo state tra le prime Regioni ad approvare il Prs e avere disponibili i fondi Feasr (Fondo agricolo europeo per lo sviluppo rurale) che prevedono 538 milioni di euro da utilizzare entro il 2020. E’ una grande opportunità da vivere al meglio fino all’ultima risorsa disponibile, perché insieme al cofinanziamento privato delle imprese agricole promotrici di progetti saranno capaci di muovere oltre 1 miliardo di investimenti su tutti il territorio regionale. Il nuovo governo Ceriscioli – conclude Gostoli - ha mantenuto l’impegno preso in campagna elettorale di approvare definitivamente il Prs, dando la possibilità alle nostre imprese, singole e associate, di mettere in campo da subito progetti concreti di investimento volti a valorizzate le nostre produzioni di qualità, dai cereali a vini, dalle carni bovine ai prodotti lattiero caseari”.

Pagine