Marco Minniti sabato 3 febbraio al Cinema Astra

Marco Minniti sabato al Cinema Astra. Gostoli (Pd): “Con Minniti in squadra Pesaro Urbino e le Marche più forti


"Sono orgoglioso di mettere al servizio di questo territorio la mia piccola storia, la mia passione e il mio impegno. Io mi rivolgero' a tutti gli elettori del collegio, di qualsiasi colore, cercando di costruire un'alleanza del fare sulle prospettive di questa terra-". Lo ha detto il ministro dell'Interno Marco Minniti presentando la sua candidatura al collegio uninominale Camera di Pesaro nella sala rossa del Comune. Affiancato dal primo cittadino Matteo Ricci, da numerosi altri amministratori del territorio e dalle altre due candidate dem Alessia Morani e Camilla Fabbri, e dal segretario provinciale Giovanni Gostoli, Minniti ha aperto sostanzialmente la campagna elettorale. Sabato 3 febbraio alle ore 17.30 al Cinema Astra a Pesaro ci sarà un grande evento pubblico aperto a tutti insieme a Marco Minniti.
"Il centrosinistra e il Pd in questo territorio si giocano una partita importante- spiega Minniti-. Qui, e nelle Marche, si e' giocato un pezzo della storia democratica dell'Italia e qui si giochera' un pezzo di futuro del nostro Paese. È particolarmente bello per me iniziare con una foto insieme ai sindaci del territorio e insieme a Camilla e Alessia che saranno mie sorelle in questa competizione. I sindaci sono un riferimento molto importante nell'attivita' del ministero dell'Interno. In questi mesi abbiamo dovuto affrontare sfide straordinarie".
"A Pesaro il ministro migliore del governo Gentiloni ed il miglior ministro dell'Interno della storia repubblicana". Con queste parole il segretario del Pd di Pesaro Urbino Giovanni Gostoli presenta la candidatura del ministro dell'Interno Marco Minniti nell'uninominale di Pesaro alla Camera. "La squadra dei candidati è forte, competente e affidabile, fatta di un bellissimo mix tra candidati nazionali e del territorio. Con Minniti in squadra il territorio di Pesaro Urbino e le Marche sono più forti”- dice Gostoli.
I candidati pesaresi sono Alessia Morani (capolista plurinominale Camera Marche Nord), Camilla Fabbri (collegio uninominale Camera Fano-Senigallia), l'assessore di Fano Cristian Fanesi (quarto nel collegio plurinominale Camera Marche Nord) e la consigliera comunale di Urbania Annalisa Tannino (quarta nel collegio plurinominale Senato).
“La campagna elettorale sara' la piu' bella di sempre – aggiunge Giovanni Gostoli - Noi tireremo fuori tutto l'orgoglio di piu' Governi a targa Pd. Abbiamo raccolto il Paese nella piu' grande fase di recessione della storia, portandolo fuori dalla crisi e facendo riforme che hanno dato opportunita' a chi non le aveva". E poi aggiunge il segretario Gostoli: "Minniti girera' tutto il territorio provinciale andando oltre il collegio di Pesaro arrivando fino a Senigallia perche' siamo una squadra affiatata- conclude Gostoli-. Sara' una campagna elettorale di grande ascolto. Al teatrino della politica che promette cose non realizzabili risponderemo con serieta' e concretezza per rispetto dei cittadini".

"La sfida delle prossime elezioni e' tra competenza ed incompetenza" – aggiunge Ricci - La squadra sara' la nostra forza- continua Ricci-. I 5 stelle sono stati bravissimi a urlare a dire che tutto faceva schifo ma poi quando i romani, i torinesi, i livornesi, i forsempronesi (cittadini Fossombrone, ndr) li hanno messi alla prova del governo i risultati sono stati pessimi. Noi crediamo nella 'gavetta'. Chi propone di governare una citta' o un paese non puo' improvvisarsi. Minniti ha fatto grande attivita' politica e amministrativa. Il centrodestra e' a trazione estremista e non offre ricette per risolvere problemi. In questi anni abbiamo rimesso in moto il Paese. Guai a buttarsi in scelte avventuristiche”

Il ministro dell'Interno Marco Minniti ha parlato dell'azione portata avanti in questi anni dal Viminale: "Abbiamo tenuto insieme due principi non facilmente gestibili: la sicurezza del paese impedendo le minacce senza fare venire meno la fruibilita' del nostro territorio". "Non era una sfida facile di fronte alla minaccia estrema di un terrorismo a prevedibilita' zero- continua Minniti-. La risposta piu' semplice era la militarizzazione del territorio ma noi abbiamo fatto un'altra sfida: tenere insieme principi di sicurezza e principi di liberta'. La sicurezza è liberta'. Serve percio' un'alleanza strategica con territorio. E in questo i sindaci sono stati protagonisti di un'idea di governo del Paese per garantire accoglienza e sicurezza. Italia e' Paese che continuera' ad accogliere perche' non vuole venire meno ai suoi valori fondamentali ma vogliamo cancellare la parola emergenza dalle politiche migratorie. L'emergenza nelle politiche migratorie significa dare vento alle idee dei populisti".

Il modello vincente per il ministro Minniti e' quello che punta sull'accoglienza diffusa. "Il modello dell'accoglienza diffusa ci consente di gestire il fenomeno insieme al territori- continua-. Tenere insieme il diritto di chi e' accolto e di chi accoglie. Cosi' si affronta in maniera equilibrata e intelligente una grande questione sociale. Numeri piu' piccoli diffusi sul territorio garantiscono l'integrazione. Il futuro delle democrazie mondiali si giochera' sulla capacita' di integrazione". Il capo del Viminale, che ha scherzato con il pubblico presente ricordando che in passato fu presidente onorario della Viola Reggio Calabria basket protagonista di numerose partite contro la Vuelle Pesaro, ha poi commentato la creazione di un corridoio umanitario tra l'Italia e la Libia. "Io garantisco la mia passione e il mio impegno a favore del territorio in un quadro in cui avverto un logoramento delle parole- conclude Minniti-. Non ho mai annunciato una cosa che avrei fatto prima di farla al di la' del fatto che le mie presenze sono notoriamente sobrie. Prima di Natale pero' abbiamo creato il primo storico corridoio umanitario dalla Libia all'Italia. Sono arrivate 165 donne con i loro bambini. Non le hanno portato in Italia gli scafisti con i gommoni ma li ha portati nel nostro Paese la democrazia italiana. Perche' cosi' fanno le democrazie. Le democrazie sanno governare i flussi migratori".

Infine Minniti risponde ai sindacati di polizia che chiedevano l’invio di più agenti: "Capisco il problema delle forze di Polizia. Una richiesta giusta che condivido. Gia' in queste ore abbiamo provveduto ad un rafforzamento dell'organico per il 150esimo anniversario di Rossini". Una richiesta che tra l'altro nelle settimane scorse era stata avanzata al prefetto di Pesaro Urbino anche dal sindaco Matteo Ricci e dagli altri amministratori del territorio.

Fonte: Agenzia Dire

Fotografie: Luca Toni

 

Ci prendiamo un caffè?

L'iniziativa lanciata dal segretario provinciale Pd, Giovanni Gostoli, su Facebook delinea la campagna elettorale dei circoli dem sul territorio: "Voglio incontrare più persone possibili, faccia a faccia, davanti a un caffè. La partita è aperta. Occorre tirare fuori il meglio di noi, incontrare le persone unoxuno, con più orgoglio delle cose fatte e la concretezza delle proposte per l'Italia"

Ci prendiamo un caffè?

"Vorrei incontrare più persone possibili, faccia a faccia, davanti a un caffè. A casa oppure in un bar o in un circolo che nella mia vita sono stati luoghi importanti dove ho iniziato giovanissimo a lavorare e coltivare la passione per il bene comune.
 Vorrei parlare ma soprattutto ascoltare e confrontarmi insieme sul futuro del territorio e del Paese.
 Con gentilezza, umiltà e umanità.

Nel tempo ho vissuto tante elezioni, ma questa sarà la più bella.
 Sapete la ragione? Perché per vent’anni siamo stati abituati che le promesse di una campagna elettorale diventano anche quelle della volta dopo. Una situazione talvolta avvilente non solo per i cittadini ma, credetemi, anche per i volontari: quella di sentire sempre le stesse parole e di non vedere mai i fatti. Una democrazia incapace di decidere, un Paese bloccato, soprattutto nei periodi in cui le condizioni economiche erano migliori. D’altronde fare le riforme in tempi favorevoli è semplice, ma poco allora è stato fatto. Fare le cose in tempi di crisi è più difficile, ma nonostante tutto qualcosa è cambiato. Guardate qui: http://www.deputatipd.it/fatticoncreti

E per la prima volta in una campagna elettorale possiamo raccontare tante cose realizzate, insieme all’idea di futuro.
 Alle elezioni la sfida sarà tra chi è stato capace solo di promettere e chi ha fatto, tra chi vuole smantellare le cose buone realizzate e chi vuole andare #avanti per fare meglio.

La partita è tutta aperta.
 Occorre tirare fuori il meglio di noi, incontrare le persone unoxuno, possiamo vincere. Con più orgoglio e la forza della concretezza: valorizzare le tante cose fatte in questi anni dal governo Renzi e Gentiloni insieme alle nuove proposte. Con il programma delle 100 cose fatte e 100 cose da fare i Circoli Pd della provincia di Pesaro e Urbino sono al lavoro per l’organizzazione di 100 iniziative. Alle chiacchiere noi rispondiamo con fatti concreti e proposte realizzabili.

Oggi l’Italia è migliore di cinque anni fa. Nel 2013 il Paese era in recessione e centrodestra parlava di ristoranti pieni. Il Pd ha portato l’Italia fuori dalla più grande crisi economica della storia, ha introdotto conquiste sul campo dei diritti che prima non c’erano. Tanto è stato fatto, ma vogliamo fare di più: c’è ancora molta sofferenza da sanare, però la strada è quella giusta e continuando cosi i giorni migliori sono davanti a noi.
 Forza e coraggio, rimettiamoci in cammino.

Un abbraccio,
 Giovanni"

#4marzo #unoxuno #iovotoPD

Diventa volontario per l'Italia che vuole andare avanti

Amici,

felice anno nuovo a tutti.
Orgogliosi di un Paese che oggi è migliore di cinque anni fa grazie al Pd.
Insieme abbiamo fatto tanto, ma ancora tanto c’è da fare.
Andiamo avanti con umiltà, unità e umanità.

Oggi mi sono registrato per partecipare a #volontaripd.
Attivati anche tu, bastano solo cinque minuti.
Una persona per ogni sezione elettorale di ogni comune o quartiere della città, dal centro alla periferia, dalle aree interne alla costa.

Attraverso la registrazione riceverai anche informazioni e materiali per la prossima sfida delle elezioni politiche 2018.

Clicca qui, è molto semplice e importante: bit.ly/volontari2018

Andiamo a vincere insieme.
Per l'Italia che vuole andare #avanti.

Un abbraccio,
Giovanni

 

Presentala la nuova squadra del Pd provinciale

Ieri c’è stata l’Assemblea provinciale del Partito democratico. E’ stata votata all’unanimità la proposta del Segretario provinciale Pd, Giovanni Gostoli, della Direzione provinciale insieme alla relazione e la comunicazione dell’Esecutivo e della Segreteria Provinciale.

DIREZIONE PROVINCIALE è l’organo di direzione politica del Partito democratico:
 Giovanna Berluti, Andrea Biancani, Rito Briglia, Bruno Capanna, Lucia Capodagli, Luca Ceriscioli, Marco Ciccolini, Sara Cucchiarini, Luca Del Moro, Mauro Dini, Camilla Fabbri, Cristian Fanesi, Emanuele Feduzi, Franca Foronchi, Francesca Fraternali, Rosetta Fulvi, Luca Gorgolini, Giovanni Gostoli, Graziano Ilari, Alessandra Khadem, Raffaella Magi, Susanna Marcantognini, Stefano Marchegiani, Marco Marchetti, Sara Mengucci, Renato Claudio Minardi, Alessia Morani, Maria Clara Muci, Andrea Nobili, Donatella Paganelli, Brunella Paolini, Domenico Pascuzzi, Katia Perugini, Luca Pieri, Paride Prussiani, Ignazio Pucci, Angelo Renzoni, Matteo Ricci, Alberto Ruggeri, Patrizia Sabatini, Federico Scaramucci, Monica Scaramucci, Cinzia Scardacchi, Filippo Sorcinelli, Daniele Tagliolini, Federico Talè, Silvia Terenzi, Gino Traversini, Palmiro Ucchielli, Daniele Vimini.

ESECUTIVO PROVINCIALE è l’organismo composto dai responsabili dei Dipartimenti tematici del Pd:
 Agricoltura, genuinità e km0, Francesco Torriani; MacroAree (Unione dei Comuni): Aree interne, Giuseppe Lucarini; San Bartolo e Foglia, Christian Lisotti; Fano Cesano e Metauro, Margherita Pedinelli. Benessere Equo e Sostenibile, Pierpaolo Bellucci; Comunicazione e Militante 2.0, Jessica Belpassi; Cultura, Brunella Paolini; Comunità e welfare, Alessandro Nardelli; Enti Locali, Gilbero Fattori; Parchi e riserve naturali, Guido Salucci; Caccia, Alberto Terenzi; Frattocchie 2.0 e formazione politica, Roberto Bertinetti; Europa, David Piccinini; Integrazione, Yassine Othman; Infrastrutture, viabilità e lavori pubblici, Michele Chiarabilli; Lavoro, Chiara Panicali; Innovazione e Impresa 4.0, Alberto Bacchiocchi; Piccole medie imprese e attività economiche, Antonello Delle Noci; Memoria Viva, Francesco Del Bianco, Legalità, Giuseppe Paolini; Green Economy e Ambiente, Massimo Ciabocchi; Donne, Alessandra Khadem; Mobilità, Maurizio Mazzoli; Crescere e scuola, Cinzia Scardacchi e Fausto Antonioni; Università, Piero Sestili; Cooperazione, Mario Rosati; Servizi Pubblici Locali, Mario Bianconi; Vivacità e openPD (popolo primarie e nuove forme di partecipazione) Alessandra Nencioni, Circoli e fantasia, Monica Scaramucci; Casa, Michele Maiani; Benessere e prevenzione, Marco Pompili; Salute mentale, Vito Inserra; Sport, Enrico Nicolelli; Sicurezza, Vittorio Panzieri; Piccoli Comuni, Francesco Passetti; Sanità, Giovanni Gostoli. Nei prossimi giorni saranno ufficializzati i responsabili dei Dipartimenti tematici: turismo, genitorialità e politiche per la famiglia, pensionati, credito.

SEGRETERIA PROVINCIALE PD è la squadra che affianca il segretario provinciale Pd, Giovanni Gostoli: Margherita Pedinelli (vice segretaria Pd Pesaro e Urbino), Rosetta Fulvi (vice segretaria Pd Pesaro e Urbino), Gilberto Fattori, Timoteo Tiberi, Giovanni Monaldi, Dimitri Tinti, Giuseppe Lucarini, Sandro Ambrogiani, Michele Maiani, Christian Lisotti, Alessandra Khadem, Monica Scaramucci. Tesoriere provinciale: Giacomo Crescentini

 

 

Pagine