Social Media e PA

Il primo libro "in progress" della nuova comunicazione pubblica utile per i sindaci e gli amministratori locali. A cura del Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione. Scarica il libretto in allegato PDF.

Allegati: 

Aree interne in arrivo altri 10 mln di euro per Metauro e Montefeltro

Dopo il progetto pilota nel cagliese delle Aree Interne in arrivo altri 10 milioni di euro per un nuovo progetto destinato all'Alto Metauro e Montefeltro. Qui l'articolo pubblicato sul Corriere Adriatico di Pesaro il 18 maggio 2017.

arre interne progetto alto metauro e montefeltro

 

QUI l'articolo sul progetto pilota delle Aree Interne "Appennino Basso Pesarese e Anconetano:
http://www.pdpu.it/articoli/oltre-9-milioni-al-progetto-pilota-delle-marche-le-aree-interne

Gostoli su ipotesi clinica privata convenzionata a Fano

"La Regione è al lavoro per migliorare la sanità e ridurre la mobilità passiva. Prima di tutto rafforzando il sistema pubblico, nei limiti delle normative nazionali. In questi mesi è stata fatta una riforma per la prima volta senza tagli, ma con assunzioni e investimenti. Si è deciso dove fare l'ospedale nuovo Marche Nord, ora serve rafforzare l'ospedale di Urbino nella nuova missione per le aree interne e far funzionare quelli di comunità" - dichiara il segretario provinciale Giovanni Gostoli al Corriere Adriatico - "Un forte investimento nella sanità pubblica, vicina ai bisogni crescenti dei cittadini, nei tempi giusti e di qualità.  Dopodiché incrementare l'offerta dei servizi insieme a un privato convenzionato può essere una bella opportunità. Siamo l'unica provincia delle marche senza una clinica privata. I cittadini avrebbero maggiori servizi, gratuiti come con il pubblico, che oggi ricercano altrove. Le risorse che la Regione ogni anno spende in mobilità passiva potrebbero trasformarsi in attive con investimenti sul territorio, per rispondere ai problemi dei cittadini, e favorisce nuovi posti di lavoro. Inoltre la clinica con un privato di qualità sarà attrattiva per pazienti da fuori Regione e quindi con ricadute positive in particolare sulla città di Fano".

corriere adriatico 16 maggio 2017

 

Nelle Marche 40 mila pensionati in piu avranno al quattordicesima

PESARO_ E’ in arrivo la “quattordicesima” per 3,4 milioni di italiani, sopra i 64 anni, che la riceveranno per la prima volta a luglio. “L’assegno aggiuntivo introdotto nel 2007 dal Governo Prodi – spiegano la vice presidente del gruppo Pd alla Camera dei deputati on. Alessia Morani e il segretario provinciale Pd Giovanni Gostoligrazie al Pd e al Governo Renzi è stato esteso nell’ultima legge di bilancio 2017 a categorie di pensionati che fino ad oggi non avevano beneficiato”.

pensioni quattordicesima marche pd pu gostoli

Gli importi variano da 336 a un massimo di 655 euro, sulla base degli anni dei contributi versati e l’assegno percepito. L’Inps ha confermato l’erogazione proprio ieri con una comunicazione pubblicata sul sito internet che spiega anche chi potrà godere dell’ulteriore mensilità: circa 2,125 milioni pensionati con redditi individuali fino a 1,5 volte il trattamento minimo e 1,25 milioni pensionati con redditi tra 1,5 e due volte il minimo. Nel caso in cui il pensionato compia 64 anni dopo il mese di luglio, la quattordicesima verrà erogata nel mese di dicembre.

Nelle Marche, secondo una proiezione dell’Inps, saranno circa 43.500 i pensionati che beneficeranno dell’estensione della quattordicesima. Essi si aggiungono alle oltre 76 mila persone che già avevano diritto all’assegno aggiuntivo e pertanto a fine anno avremo un totale circa 120 mila marchigiani pensionati con la quattordicesima - affermano Gostoli e Morani  - “Il cuore del progetto del Pd per l’Italia è prendersi cura delle persone a cominciare dai più deboli, dai fragili e dagli ultimi. C’è ancora tanto da fare, ma con il Governo Renzi c’è stato un cambio di passo importante come dimostra anche l’approvazione della prima legge in Italia di contrasto alla povertà assoluta, misura strutturale che introduce il reddito d’inclusione sociale. Per le Marche sono circa 12 milioni di euro che saranno destinati a persone in gravi difficoltà insieme ai servizi di welfare locale per costruire intorno alla persona un progetto personalizzato di inclusione sociale e lavorativa”.

Sostieni la bella politica, contribuisci al cambiamento dal territorio. Fai una donazione : http://bit.ly/2hqDY7w

Pagine