Provincia

Rei strumento straordinario contro povertà anche nelle Marche

Cos'è e dove rivolgersi nelle Marche per fare richiesta

Sono attualmente 1.340, 2 ogni 1.000, le famiglie residenti nella Marche che beneficiano del reddito di inclusione sociale (REI). Le persone coinvolte sono 3.341, 22 ogni 10.000 residenti, e l’importo medio mensile del sostegno economico è di 256,74 euro (dati al 23 marzo scorso). E’ quanto è emerso durante la conferenza stampa organizzata questa mattina in Regione, a cui ha preso parte, tra gli altri, il presidente Luca Ceriscioli. Dal prossimo 1° luglio, grazie alle risorse aggiuntive previste nella legge di bilancio 2018, inoltre, il REI diventerà universale: verranno cioè meno i requisiti familiari e resteranno solo i requisiti economici.  

“E’ uno strumento straordinario contro la povertà che in Italia e nella nostra Regione non c’è mai stato  e per il quale sono stanziate risorse significative. Ancora non c’è una consapevolezza piena di questa possibilità, ovvero l’incontro bisogno/domanda non si è compiuto  – ha detto Ceriscioli – . Fare richiesta è sempre possibile, le domande sono aperte e forse non è stata fatta abbastanza pubblicità per questo abbi

amo voluto raccogliere, analizzare i dati e divulgare al massimo questa che è una delle più grandi innovazioni sociali, dopo che da 30 anni se ne parlava. Su una stima che vede 38mila famiglie marchigiane in povertà assoluta, le domande fino ad ora pervenute, sono meno di quanto ci si potesse aspettare. Il Rei si basa non solo sul contributo erogato dall’Inps, ma anche su una proposta progettuale calibrata sulle singole persone richiedenti il beneficio. E’ importante per l’Italia e per le Marche che anche il prossimo Governo continui su questa strada”. Centri per l’impiego, Ambiti sociali, servizi sociali comunali, curano la presa in carico dei beneficiari, in modo da permettere loro una prospettiva duratura di fuoriuscita dalle difficoltà. Nelle Marche sono attivati 226 punti REI, dove reperire informazioni ed essere assistiti nella presentazione della domanda.

Il Reddito di inclusione (REI) è una misura di contrasto alla povertà condizionata alla valutazione della condizione economica, attiva dal 1° gennaio 2018 e introdotta dal Decreto legislativo 15 settembre 2017, n. 147 "Disposizioni per l'introduzione di una misura nazionale di contrasto alla povertà". Complessivamente per questa nuova misura, per il 2018, lo Stato ha stanziato 1,8 miliardi di euro. Il 15 per cento di questo stanziamento dovrà essere utilizzato per i servizi di orientamento al lavoro che affiancano il contributo (5,6 i milioni di euro a ciò destinati nelle Marche per il 2018, a cui si aggiungono, per i prossimi due anni e mezzo, oltre 20 milioni tra fondi Fesr e altre linee di finanziamento).


Il REI è costituito da: un beneficio economico, erogato mensilmente attraverso una carta di pagamento elettronica (Carta REI), un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa predisposto dai servizi sociali del Comune di residenza, finalizzato al superamento della condizione di povertà. E’ attualmente rivolto a nuclei familiari, anche monoparentali, che presentino i seguenti requisiti:
Requisiti di residenza e soggiorno
Il richiedente deve essere congiuntamente:
- cittadino dell'Unione o suo familiare che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
- residente in Italia, in via continuativa, da almeno due anni al momento della presentazione della domanda.
Requisiti familiari
Nel nucleo familiare deve essere presente almeno una delle seguenti condizioni:
- presenza di un minorenne;
- presenza di una persona con disabilità e di almeno un suo genitore o un suo tutore;
- presenza di una donna in stato di gravidanza accertata (nel caso in cui sia l'unico requisito familiare posseduto, la domanda può essere presentata non prima di quattro mesi dalla data presunta del parto e deve essere corredata da documentazione medica rilasciata da una struttura pubblica).- presenza di un componente che abbia compiuto 55 anni con specifici requisiti di disoccupazione.
Requisiti economici
Il nucleo familiare deve essere in possesso congiuntamente di:
- un valore ISEE in corso di validità non superiore a 6mila euro;
- un valore ISRE (l'indicatore reddituale dell'ISEE, ossia l'ISR diviso la scala di equivalenza, al netto delle maggiorazioni) non superiore a 3mila euro;
- un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20mila euro;- un valore del patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti) non superiore a 10mila euro (ridotto a 8 mila euro per la coppia e a 6 mila euro per la persona sola).
Altri requisiti
Per accedere al REI è inoltre necessario che ciascun componente del nucleo familiare:
- non percepisca già prestazioni di assicurazione sociale per l'impiego (NASpI) o altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria;
- non possieda autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (sono esclusi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità);
- non possieda navi e imbarcazioni da diporto (art. 3, c.1, D.lgs. 171/2005).
Il sostegno economico massimo previsto, da un minimo di 187 euro fino ad oltre 500 euro mensili, è diverso a seconda del numero di componenti del nucleo familiare e delle risorse di cui la famiglia dispone. In particolare, il valore del beneficio massimo mensile è ridotto dell'importo mensile degli eventuali trattamenti assistenziali percepiti dalla famiglia nel periodo di fruizione del REI, esclusi quelli non sottoposti alla prova dei mezzi, come ad esempio l'indennità di accompagnamento. Viene concesso per un periodo massimo di 18 mesi  eventualmente rinnovabile per ulteriori 12 mesi.
Condizione necessaria per accedere al beneficio è aver sottoscritto il Progetto personalizzato con i Servizi Sociali del Comune di residenza, in base al quale la famiglia è tenuta a svolgere determinate attività e impegni individuati dagli operatori sociali. Se l’analisi preliminare svolta dagli operatori sociali del Comune fa emergere che la condizione di povertà è esclusivamente dovuta alla mancanza di lavoro il Progetto Personalizzato è sostituito dal Patto di Servizio definito presso il competente Centro per l’Impiego. Per fruire del REI occorre avere una attestazione ISEE in corso di validità.
 
DOVE RIVOLGERSI
·         Presso i competenti sportelli sociali dei Comuni di residenza
·         REI@regione.marche.it

Aldo Moro e la lezione del dialogo oltre le ideologie

Nel giorno del 40esimo anniversario dalla morte di Aldo Moro la riflessione del segretario provinciale Pd, Giovanni Gostoli su Democratica: https://www.democratica.com/focus/aldo-moro-lezione-dialogo-ideologie/​  

Aldo Moro e la lezione del dialogo oltre le ideologie

Quarant’anni dalla morte di Aldo Moro, uno dei più grandi riformisti della storia italiana. Dopo cinquantacinque giorni di martirio il 9 maggio 1978 ha pagato con la vita l’impegno al servizio dell’Italia. Intellettuale e professore universitario in “prestito” alla politica, la sua visione resta a tutt’oggi fra le più significative. “Un uomo buono, mite, saggio, innocente e amico”, disse Paolo VI ai funerali.

La violenza criminale delle Br e del terrorismo è durata quasi dieci anni e ha compiuto centinaia di vittime. L’agguato di via Fani con l’uccisione degli uomini della scorta, il rapimento e la condanna del leader Dc, sono stati un attacco al cuore dello Stato e della democrazia italiana. In quel preciso momento è cambiato il corso della storia e il futuro del Paese.

Chi come me è nato negli anni Ottanta ha conosciuto Moro solo nei libri di storia, nelle riviste di cultura politica, in alcuni film, nei racconti di altri alle riunioni di partito, leggendo i suoi discorsi oppure gli articoli di giornale. Tante parole sono state scritte, perché immenso è stato il contributo di pensiero di Aldo Moro. Personalmente desidero ricordare uno dei “padri costituenti” con questa meravigliosa fotografia. Un’immagine presente anche in tanti circoli del Pd capace ancora di fare battere il cuore. La stretta di mano insieme a un altro gigante della storia, Enrico Berlinguer.

Per le nuove generazioni essa custodisce un prezioso insegnamento di chi credeva nei partiti e nella loro funzione storica. La lezione più bella, tra le tante preziose di Moro, è stata quella del “compromesso”: il dialogo oltre le ideologie. “Cum promittere”, promettere insieme. E trasformare il pensiero in azione per il bene comune e rigenerare la democrazia.

In questa fotografia non ci sono solamente due persone, due statisti, due leader, Moro e Berlinguer. Ci sono storie, culture, passioni e valori che si incontrano. Qualcosa di più grande. C’è il senso profondo di un rispetto reciproco e un modo di vivere l’impegno. Un sentimento genuino di cui oggi si sente tanto il bisogno. Quell’idea di preferire la politica ai tatticismi, l’incontro allo scontro, la gentilezza all’arroganza, la bellezza delle parole alla logica degli insulti, la convinzione di costruire con le persone ponti e non muri, la voglia di comprendere la complessità e non la facile suggestione della banalità, il desiderio non di chiudersi alle dinamiche del palazzo, ma di aprirsi ai bisogni e alle speranze del paese reale.

Insomma, la politica come missione, gesto di altruismo, rispetto e dialogo: farsi carico delle ragioni dell’altro. Di questo avrebbe bisogno l’Italia, qui c’è la missione originaria del Pd. Per continuare a difendere la democrazia. Una conquista che non è scontata e bisogna rinvigorire per tenerla viva. Dopotutto ricordare Aldo Moro oggi è una buona occasione anche per riflettere sul presente e “vivere il tempo che ci è stato dato con tutte le sue difficoltà”. E forse come diceva: «perché qualcosa cambi dobbiamo cambiare anche noi».

Giovanni Gostoli

A Cagli inaugurati 10 posti in più di lungodegenza

Inaugurati oggi i nuovi servizi del Centro Ospedaliero Santo Stefano di Cagli con 10 posti letto di lungodegenza post-acuzie ospedaliera in più per il territorio e nuove specialità e apparecchiature. Il Centro di Riabilitazione Santo Stefano di Cagli opera dal 2008, dopo aver assunto in locazione un reparto inutilizzato dell’ospedale A. Celli e, fino ad oggi, era organizzato su 20 posti letto di riabilitazione ospedaliera intensiva per ortopedici e neurologici. Lo scorso anno d’intesa con ASUR/AV1, il Santo Stefano ha esteso il contratto di locazione per un’ulteriore area in disuso, dove ha eseguito un completo intervento di ristrutturazione che si è concluso in questi giorni con l’allestimento appunto, di ulteriori 10 posti letto. L’accordo in via di definizione con ASUR/AV1, inoltre, prevede la gestione da parte del Santo Stefano dei principali servizi ambulatoriali esistenti, ma anche l’introduzione di nuove specialità ed apparecchiature, garantendo la piena operatività del presidio di Cagli. “Noi – ha sottolineato il presidente della Regine Marche Luca Ceriscioli – continuiamo ad investire in sanità. In questo caso un bell’intervento grazie ad una collaborazione tra pubblico e privato che serve a dare sempre più servizi ai cittadini. Chi viene qui trova una struttura privata convenzionata: per il cittadino è come andare in una struttura pubblica con un ambiente di grande qualità e professionisti. Non solo si amplia la gamma dell’offerta e aumentano i posti a disposizione ma, per esempio sulle visite specialistiche, arriva l’urologia con tanto di ecografo che fino a ieri non c’era. Stiamo lavorando per una sanità del territorio sempre più presente e in grado di offrire quella gamma di servizi necessaria per tenere i cittadini vicino a casa dove è possibile. Si concentrano invece le alte specialità che hanno bisogno di numeri più alti per poter funzionare e per dare risposte nelle emergenze. In ogni caso si tratta di servizi di alta qualità a disposizione di tutti i cittadini marchigiani”. “L’attivazione di questi servizi – dice l’AD Santo Stefano Enrico Brizioli - ci consentirà di integrare e potenziare l’offerta di salute sul territorio, anche grazie all’introduzione di nuove specialità ambulatoriali. La nostra mission è quella di operare come partner del servizio sanitario pubblico, come sta accadendo anche qui a Cagli, dove il percorso intrapreso da anni è un esempio di integrazione e complementarietà”. Il centro, nella sua nuova complessità ed articolazione, sarà diretto dal dr. Paolo Lazzari, che, sotto la costante supervisione dei tecnici dell’Area Vasta 1, ha seguito in modo assiduo i lavori di riqualificazione dei locali per portarli agli standard consueti del Gruppo con l’obiettivo di migliorare sempre più i servizi offerti, soddisfare i bisogni di salute dei pazienti in un ambiente funzionale, accogliente e confortevole.

 All’inaugurazione erano presenti tra gli altri il consigliere regionale Gino Traversini, il sindaco di Frontone e presidente dell’Unione Montana Francesco Passetti, il sindaco di Acqualagna Andrea Pierotti, il sindaco di Cantiano Alessandro Piccini, il direttore del distretto sanitario Romeo Magnoni, il presidente del Comitato dell’Ospedale Sergio Castellucci e il presidente del Tribunale dei diritti del Malato Loretta Blasi.

 

Pagine