Provincia

Ai referendum sulle fusioni dei comuni vinca il si

Il segretario provinciale del Pd Giovanni Gostoli, auspica il successo dei “si” ai quesiti sull’accorpamento di Sant’Angelo in Lizzola e Colbordolo e di Lunano, Piandimeleto e Belforte all’Isauro.

Un voto per la fusione. Anzi per due fusioni. Domenica primo e lunedì 2 dicembre i cittadini di Sant’Angelo in Lizzola e Colbordolo andranno a votare per esprimere il proprio parere sulla fusione in un unico Comune e altrettanto faranno gli elettori di Lunano, Belforte all’Isauro e Piandimeleto. Il segretario provinciale del Partito Democratico Giovanni Gostoli auspica un’affermazione del “si”. “Il cambiamento si governa cambiando perché siamo in una fase di profondi mutamenti nel nostro paese e in un momento come questo i processi di riforma o si governano con innovazione oppure si subiscono – spiega Giovanni Gostoli – Ed io sono sicuro che la strada intrapresa dai sindaci dei 5 territori è quella giusta. Sono anche convinto del fatto che la rivoluzione del governo locale può aiutare la crescita economica del territorio. Basti pensare che tra i benefici della fusione è previsto lo sblocco del Patto di Stabilità per tre anni e questo permetterebbe agli amministratori dei due nuovi Comuni di liberare risorse sul territorio capaci di rimettere in moto l’economia locale. Nel caso di Sant’Angelo in Lizzola e Colbordolo, per esempio, si parla di 1 milione e 700 mila euro all’anno a cui si aggiungerebbe un contributo statale da 480 mila euro ed uno regionale da 200 mila euro”.


© ph. Luca Toni

L’accorpamento di Sant’Angelo in Lizzola e Colbordolo in un’unica realtà territoriale da circa 15 mila abitanti (si tratterebbe della fusione più importante delle Marche finora) e quello di Lunano, Belforte all’Isauro e Piandimeleto in un Comune da quasi 5 mila abitanti, rappresentano un passo importante verso l’auspicata razionalizzazione della spesa pubblica contribuendo al contempo a garantire una programmazione più organica e omogenea dei servizi comunali resi al cittadino. “Fare il sindaco oggi non è come farlo dieci anni fa a causa di una crisi senza precedenti e di bilanci comunali ridotti all’osso dai tagli nazionali che limitano gli amministratori alla gestione dell’ordinario: nei Comuni il disagio sociale non è fuori dal Palazzo ma bussa ogni giorno alle porte del sindaco – continua Giovanni Gostoli – Nei prossimi anni le Provincie non ci saranno più come le abbiamo conosciute fino ad oggi e, pur non sapendo quale sia la prospettiva nelle funzioni che dovranno mantenere, l’unica certezza è che saranno più deboli. Se si vuole mantenere il livello dei servizi offerti al cittadino la strada da seguire è quella delle fusioni e delle unioni”.

“La gestione associata dei servizi comporta benefici finanziari, economici e organizzativi per i Comuni e inoltre permette di elaborare una strategia omogenea e condivisa, a cominciare dalla pianificazione urbanistica, delle infrastrutture e degli investimenti – conclude Giovanni Gostoli – Oltre al fatto che permette di ridurre anche i costi della politica e della macchina comunale. Il riassetto istituzionale dei Comuni deve essere una priorità del governo regionale. Il tema è quello di ridisegnare il governo locale del territorio spingendo con convinzione sull’aggregazione dei Comuni: convenzioni, unioni e fusioni. C’è bisogno di una legislazione che sia capace di premiare chi prova a mettersi insieme con incentivi mirati”.

Primarie 8 dicembre

Elezioni primarie per il Segretario Nazionale e l'Assemblea Nazionale del Partito Democratico, domenica 8 dicembre 2013.

Trova qui il tuo seggio elettorale

Si vota dalle 8:00 alle 20:00.

Hanno diritto di voto le cittadine/i e le elettrici/elettori che hanno compiuto il sedicesimo anno di età.

I ragazzi tra i 16 e i 18 anni, gli studenti, i lavoratori fuori sede e i cittadini temporaneamente fuori sede per motivi personali, debbono obbligatoriamente registrarsi online per poter esercitare il diritto di voto. Per tutti la registrazione online si potrà effettuare fino alle ore 12:00 del 6 Dicembre 2013.
Ricordati che prima di prendere la scheda elettorale ti sarà richiesto di firmare l'albo degli elettori delle Primarie e la normativa sulla privacy.

Recati al tuo seggio munito di un documento d’identità e della tua Tessera Elettorale, nonché di 2 euro di contributo per le spese organizzative (gli iscritti al PD non hanno quest’obbligo) e ti sarà consegnata la scheda elettorale per esercitare il tuo diritto di voto.

Barra sulla scheda il nome della lista del candidato a Segretario Nazionale del PD che intendi sostenere.
Buone primarie a tutti!





 

Il lavoro di squadra premia sempre: tre Pesaresi nella segreteria Regionale dei GD.



Mercoledì 2 ottobre alle ore 15.00 si è svolta la prima Direzione Regionale con il neo-eletto Segretario Roberto Tesei. Dopo una serie di consultazioni con i Segretari Provinciali con estrema attenzione alle esigenze territoriali, il segretario Regionale ha fatto la quadra sulle varie deleghe presso la segreteria. I Giovani Democratici di Pesaro-Urbino sono riusciti a prendere una delle deleghe più importanti presso la Segreteria, quella della Comunicazione.


Andrea Solomita © ph Luca Toni
Questa delega sarà portata avanti da Andrea Solomita classe '88, di Pesaro. Il Segretario Provinciale Matteo Cinalli in accordo con i responsabili locali ha proposto questo nome, che sin dall'inizio si è mostrato pronto e operativo: "l'importante sarà essere il megafono delle nostre idee e del nostro lavoro. Chiederò la collaborazione di tutti in questo importante lavoro, per diffondere i nostri messaggi in maniera capillare.".


Giovanni Monaldi
Poi è il turno di Giovanni Monaldi, classe '93, di Fano al quale è andata la delega "diritti, cittadinanza e parità d'accesso", un lavoro molto importante soprattutto in questo periodo frenetico in cui Cittadinanza,parità d'accesso e diritti rischiano di barcollare. Anche per lui ci sarà un bel lavoro.


Matteo Cinalli © ph Luca Toni
Di diritto come tutti i Segretari Provinciali opererà in segreteria Regionale anche Matteo Cinalli, che commenta il tutto così "E' stato un ottimo lavoro di squadra, è bastato consultare uno ad uno i nostri ragazzi e devo dire che dagli anni scorsi a questa parte c'è stato un percorso di maturazione incredibile, in linea con la nostra rinascita GD. I ruoli e le eccellenze sono anche questa volta venute fuori spontaneamente, senza forzature e questo ci dà grande speranza. Roberto Tesei è una figura fondamentale, è stato insieme all'ex segretario una figura che ci ha sempre ascoltati, compresi e aiutati e soprattutto presente su Pesaro. Chi meglio di lui? Il prossimo passo sarà per noi aiutare il futuro segretario Provinciale PD e proprorgli le nostre idee. Le buone basi ci sono per una Rinascita completa e a tutto tondo".

Redazione Web Partito Democratico Pesaro Urbino

Pagine